Special Olympics 2018: record di screening visivi

Si sono conclusi il 9 giugno a Montecatini Terme i Giochi Nazionali dedicati ad adulti e ragazzi con disabilità intellettiva, che hanno coinvolto oltre tremila atleti insieme ai familiari e allo staff organizzativo: il team di Solcioe (nella foto) è riuscito in tre giorni a eseguire i test visivi su quasi 560 persone, donando 304 occhiali tra vista, vista sole, sportivi graduati e un centinaio di modelli da sole

«Gli Special Olympics ormai sono diventati per noi ottici optometristi del programma salute Solcioe Italia Onlus un appuntamento fisso cui non possiamo e vogliamo mancare - commenta in una nota Marco Barajon, presidente di Special Olympics Lions Club International Opening Eyes - Quest’anno alla trentaquattresima edizione 30 ottici optometristi, 28 studenti del terzo anno dei corsi di laurea in Ottica e Optometria, 2 oculisti e 3 Lions si sono alternati nei tre giorni di screening visivi fatti ai partecipanti delle varie discipline sportive». 
L’area era suddivisa in undici postazioni secondo una sequenza di test protocollata a livello internazionale, utilizzata durante gli esami visivi agli Special Olympics. «Dopo aver eseguito i test in tutte le stazioni, per ogni atleta veniva valutato cosa fare, se cambiare correzione dandone una nuova oppure confermare la stessa e, di conseguenza, valutare se realizzare un nuovo occhiale, anche sportivo da sole – dice ancora Barajon - Sono stati quattro giorni molto intensi: all’inizio dell’attività abbiamo registrato 240 schede, numero mai raggiunto in tutti questi anni in una sola giornata».
L’iniziativa è stata resa possibile grazie a Safilo per le montature, Centrostyle per gli occhiali sportivi e per gli astucci, Assogruppi per il contributo economico, Agenzia Italiana Assicurazioni per la polizza e Frastema per le attrezzature per effettuare gli screening. Essilor ha fornito oltre 540 lenti correttive, tra monofocali e progressive, che l’azienda oftalmica ha già preso in carico e consegnerà direttamente alle associazioni sportive. «Questa è la mia seconda presenza come volontario a fianco di Solcioe e, ancora una volta, ha suscitato in me forti emozioni - commenta in un comunicato Luca Strigiotti, direttore generale di Essilor Italia - Penso di parlare a nome di tutti i colleghi dell’azienda impegnati nei tre giorni di manifestazione, quando affermo che è stato un momento importante che ci ha permesso di onorare e tener fede alla mission di Essilor, migliorare la vita migliorando la vista».
(red.)