Lightbird, “prende il volo” il nuovo marchio di Rosson

Il designer veneto, una decennale esperienza in Luxottica e poi in Blackfin, da cui è uscito l’anno scorso e con il quale ha vinto due Silmo d’Oro, ha deciso di rimettersi in gioco fondando la start up che presenterà la sua prima collezione di occhiali a opti 2019, in programma a Monaco dal 25 al 27 gennaio

Il nome scelto evoca positività, richiamando la luce, la leggerezza, il volo come allegoria dell’uomo che tende sempre a elevarsi, al miglioramento. Il logo (nella foto, a sinistra) è infatti un uccellino stilizzato, composto da un triangolo come becco e un corpo che riprende un cuore un po’ spigoloso, simbolo delle asperità e delle contraddizioni che ci sono nell’intimo di ogni persona. «Volevo focalizzare la mia creatività e ho cominciato a pensare a un progetto che contenesse elementi di novità, non solo in termini di design - racconta a b2eyes TODAY Corrado Rosson (nella foto, a destra), fondatore e amministratore delegato di Lightbird - Ne è nato un concetto di occhiale contraddistinto da due brevetti. Il primo è Light_matter, materiale composito di proprietà che consiste in uno speciale incollaggio tra acetato e metallo, utilizzando adesivi normalmente usati in campo aerospaziale: poiché i due materiali diventano una cosa sola, possono essere lavorati in un unico blocco con la metodologia tradizionale». Il secondo brevetto rappresenta per Rosson un nuovo modello di business chiamato Light_nest. «Sul terminale d’asta di ogni montatura ci sarà un LighTAG, un piccolo riquadro in cui sarà inserito un Qr code. Quest’ultimo sarà sia un link per collegarsi al “nido” di Lightbird, nest in inglese, sia il numero di serie di ogni occhiale, che di fatto è unico proprio grazie a questo codice - prosegue il professionista veneto - Tramite una app o direttamente dal sito, il LighTAG collegherà tutta la filiera attraverso Lightbird e potrà essere utilizzato con diverse finalità vantaggiose per tutti: ad esempio per fidelizzare il cliente finale verso il negozio di ottica».
La prima collezione sarà composta da 15 modelli: 2 sole, iconici, e 13 vista dalle forme semplici che si adattano a tutti i mood per dimensioni e colori, completamente prodotti in Italia, nel Bellunese. La piena operatività commerciale inizierà dal prossimo gennaio, mentre si sta strutturando la rete di vendita. «L’idea è cercare agenti che credano fortemente nel progetto e nelle innovazioni che esso porta, anche se in alcuni paesi all’inizio dovremo sicuramente affidarci a dei distributori locali», conclude Rosson.
N.T.