È l'opinione del presidente della Low Vision Academy, che proprio per questo motivo ritiene necessario un confronto con gli ottici, come quello in programma a Firenze a fine giugno, e una maggiore informazione alla classe medica sulle nuove tecnologie da parte delle multinazionali.