High Protection di Divel Italia, dal web al centro ottico

L’azienda oftalmica ha recentemente inaugurato sul proprio canale Linkedin la pubblicazione di una serie di articoli per approfondire alcune tematiche sul benessere visivo: alla diffusione dei contenuti seguirà il lancio di una nuova gamma di prodotti studiati per proteggere dai raggi dannosi alla vista

«L’obiettivo di questa campagna è sensibilizzare i professionisti del settore e i consumatori in generale sull’importanza di conoscere come funziona il mondo della vista prima di procedere all’acquisto di lenti correttive», sottolinea una nota di Divel Italia. Le informazioni vengono veicolate anche sui canali Facebook e Instagram e sul sito dell’azienda.
In particolare, la campagna è legata al lancio di High Protection, una nuova gamma di prodotti dedicati alla protezione dai raggi dannosi per l’occhio: le informazioni avranno così l’obiettivo chiarire come i raggi “invisibili” agiscono sui nostri apparati oculari e soprattutto in quali ambienti. «La linea è rappresentata da Aurora noIR (nella foto, un'immagine di campagna), tecnologia sviluppata dai laboratori di Divel, che protegge l’occhio dai potenziali danni provocati dalla radiazione termica infrarossa - prosegue il comunicato - La particolarità di Aurora noIR, che la distingue sul mercato, dipende dal fatto che si tratta di un vero e proprio trattamento e come tale è applicabile su tutte le lenti». Aurora noIR verrà commercializzata nei prossimi mesi e sarà affiancata dalle lenti noUV 400, che assorbono le radiazioni UVA, e dalle Blue Natural, che proteggono dalle radiazioni nocive emesse dalla luce blu.
«In Divel Italia cerchiamo di sviluppare prodotti specifici che si adattino alle particolari esigenze di ogni utente nelle diverse circostanze anziché soluzioni generiche - commenta nella nota Brando Marraccini, direttore generale della società con casa madre a Calderara di Reno, in provincia di Bologna - Per questo motivo è necessario che al portatore sia data la possibilità di informarsi sull’effetto che l’ambiente esterno produce sui nostri occhi e su come proteggersi al meglio».
(red.)