De Rigo, i ricavi sfiorano 430 milioni di euro nel 2017

Il dato è frutto di un incremento del 5,5% a cambi costanti rispetto all’esercizio precedente (-1,7% a cambi correnti), determinato soprattutto dalle attività negli Stati Uniti con la neocontrollata Rem

«Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti (429,5 milioni di euro il fatturato consolidato, ndr) in un anno contrassegnato da grande competitività sui mercati internazionali - commenta in una nota Ennio De Rigo, presidente dell’omonima società di Longarone - Supportato da un’attenta politica di investimenti, garantita da una solida struttura finanziaria, il nostro gruppo continua a dimostrare grande rapidità nelle decisioni strategiche per affrontare con la massima flessibilità i cambiamenti di un mercato in continua evoluzione. Premiante anche la diversificazione nei business retail e wholesale e un’equilibrata composizione del portfolio che comprende sia marchi propri che in licenza».
Il fatturato 2017 della divisione wholesale è, infatti, aumentato dell’8,1% a cambi costanti, raggiungendo i 254,1 milioni di euro, «beneficiando del pieno consolidamento dell’acquisizione nel 2016 del distributore Rem Eyewear negli Usa - precisa il comunicato - Il risultato positivo di vendita è stato ottenuto grazie al contributo importante di vari marchi del gruppo, tra i quali in particolare Carolina Herrera, Furla (nella foto, alcuni modelli), Converse». Il fatturato della divisione retail si è assestato a 189,5 milioni di euro, con una crescita del 2% a cambi costanti: l’aumento delle vendite in Spagna realizzate dalla catena controllata General Optica, che ha continuato il suo piano di espansione con sei nuove aperture nel corso dell’anno, ha compensato il calo della catena turca Opmar Optik, «che continua a risentire della situazione economico-politico locale molto instabile e in particolare del crollo della lira turca, che ne ha significativamente ridimensionato il contributo al consolidato», si legge nella stessa nota.
Lo scorso anno il Gruppo De Rigo ha visto il mercato americano crescere del 30%, anche grazie al contributo della nuova, già citata De Rigo Rem a Los Angeles, e la ripresa di quello brasiliano. L’Europa è migliorata dell’1,2% grazie al mercato iberico e alla Germania. In calo dell’11%, invece, l’area medio-orientale e del 12% quella asiatica, in particolare Sud Corea e Giappone. «L’inizio del 2018 si preannuncia positivo con l’avvio della distribuzione esclusiva delle collezioni di Converse anche in Europa, Middle East e Africa», conclude la nota.
(red.)