Il maltempo frena anche Luxottica

Il gruppo di eyewear ha chiuso il primo trimestre 2018 «con vendite in flessione dello 0,8% a cambi costanti per il temporaneo rallentamento dell’Europa dovuto al ritardo nell’avvio della stagione sole e la razionalizzazione del business wholesale in Cina», si legge nella nota 

a commento del Cda dei giorni scorsi, che ha esaminato il fatturato da gennaio a marzo di quest’anno

Il volume d’affari della divisione wholesale (nella tabella) in calo del 4,2% a parità cambi, «risente della performance negativa dell’Europa con il posticipo degli ordini per il meteo sfavorevole a marzo, mese che vale la metà delle vendite wholesale del trimestre - precisa il comunicato di Luxottica - Incidono sulla performance anche le nuove politiche commerciali per gli operatori online e i clienti wholesale europei e il completamento della ristrutturazione della distribuzione in Cina». La divisione retail cresce, invece, nel trimestre dell’1,3% a parità cambi, con vendite omogenee in flessione dello 0,6%. «Contribuiscono all’incremento del fatturato Sunglass Hut in Nord America (vendite omogenee in crescita del 7,6%), le catene retail in Cina e Australia, Target Optical e il business e-commerce nel mondo, che registra vendite in aumento del 16% trainate da RayBan.com e SunglassHut.com - prosegue la nota - Tali risultati positivi bilanciano il rallentamento del segmento sole in Europa e le vendite negative di LensCrafters, ancora impegnata nella trasformazione del suo modello di business».
Secondo Leonardo Del Vecchio, il calo del fatturato nel trimestre, «dovuto anche al meteo sfavorevole soprattutto in Europa, non mette in risalto i risultati positivi che abbiamo conseguito in tante aree del mondo grazie all’innovazione nei nostri prodotti, al miglioramento dell’esperienza di consumo nei nostri negozi e allo sviluppo delle nostre piattaforme e-commerce - commenta nella stessa nota il presidente esecutivo di Luxottica Group - La performance delle vendite a parità cambi non impatta la redditività del gruppo, che rimane sostenuta e solida. Stiamo continuando a investire nella crescita di lungo periodo del gruppo, adottando tutte le iniziative che riteniamo necessarie. Dopo la Cina abbiamo rivisto le nostre politiche distributive e commerciali in Europa, che sono ora omogenee ed equilibrate tra i diversi canali di vendita e mirate a contrastare contraffazione e parallelo. Vogliamo essere sempre più vicini ai nostri consumatori, con innovazioni a beneficio dell’intero settore. I grandi investimenti in tecnologia offriranno agli ottici tutti i vantaggi che la trasformazione digitale può garantire, valorizzando marchi e collezioni». 
«I tanti segnali positivi che ci arrivano dai mercati, come l’ottima performance di Sunglass Hut e delle nostre piattaforme e-commerce, ci spingono a guardare con fiducia ai risultati dell’intero anno e a confermare l’outlook per il 2018», conclude Del Vecchio.
(red.)