Milano, l’universo maschile in mostra

Venerdì scorso ha debuttato nel capoluogo lombardo Man’s World, evento nato a Zurigo, in Svizzera, nel 2016, dedicato alle passioni degli uomini: il format è stato adattato al mercato italiano da Campus Fandango Club, società specializzata nella gestione di grandi eventi

Le sostenitrici accanite di quote rosa e pari opportunità potrebbero aversene a male. Ma a ben guardare, nonostante il nome, Man’s World interessa anche le donne. A giudicare dall’alta presenza femminile nella prima fortunata edizione di questo boutique event, organizzato da Fandango Club, nato a Zurigo, esteso a Losanna e ad Amburgo e approdato a Milano dall’11 al 13 maggio. Non un salone o una fiera, ma una piattaforma dedicata alle passioni maschili. Dalle moto e le auto allo sport, dalle birre da intenditore alla cucina, dalla moda ai giochi, al mondo della barberia, di attualità in questo momento. Sessanta espositori, fra grandi brand, Pirelli e Harley-Davidson per citarne due dei più noti, e piccoli artigiani, espressione di un made in Italy di qualità. Dalle borse in pelle ispirate alla funzionalità degli abiti da lavoro ai completi e le giacche su misura di Prata & Mastrale. 
Immancabile quindi l’eyewear. L.G.R., marchio creato da Luca Gnecchi Ruscone e adorato dalle star, ha proposto nuovi modelli che con i paraocchi metallici richiamano gli occhiali degli esploratori. Abbinato ai maestri del bespoke, invece, The bespoke dudes eyewear, fondato nel 2012 da Fabio Attanasio, con i suoi curatissimi modelli da sole e da vista (nella foto). 
Perfetta la location di via Orobia, spazioso edificio di archeologia industriale con giardino annesso, ideale per presentare street food e manifatture di sigari.
(Luisa Espanet)