Anfao: la crescita si conferma “normale”

È quanto emerge dagli ultimi dati sull’export presentati alla tradizionale assemblea di fine anno dell’associazione delle aziende italiane di montature e lenti oftalmiche, che si è svolta nei giorni scorsi a Pieve di Cadore, la prima presieduta da Giovanni Vitaloni

Gli imprenditori, che si sono riuniti non a caso al Museo dell’Occhiale di Pieve di Cadore, per confermare «l’attenzione al territorio che esprime la maggioranza delle aziende associate e che da sempre guida le scelte strategiche del settore», come spiega una nota dell’associazione confindustriale, si sono concentrati su andamento del mercato, consolidamento di Mido, legame con il territorio, coinvolgimento dei soci e innovazione.
In quell’occasione sono stati anche presentati gli ultimi dati di interscambio commerciale dell’occhialeria italiana, che nei primi otto mesi del 2017 hanno mostrato una crescita tendenziale in valore del 4%, mentre l’export di montature è aumentato del 5,8% e gli occhiali da sole del 3%: in evidenza gli Stati Uniti, da sempre primo mercato di riferimento per gli occhiali italiani, con +8,1%, mentre risulta più tiepido l’andamento in Europa, che nel suo complesso assorbe oltre il 50% dell’export del comparto, con +2,7%, grazie soprattutto all’occhiale da sole (+4%). In ripresa le esportazioni italiane nei paesi BRIC, con un incremento nel periodo del 21,1% (+18,1% per le montature e +22,4% per gli occhiali da sole). «Si conferma una “crescita normale” per l’export, allineata con una dimensione più vicina ai nuovi paradigmi generali di crescita post crisi - commenta nella nota il presidente di Anfao e Mido, Giovanni Vitaloni (nella foto) - La forte presenza sui mercati mondiali è un elemento importante per il nostro settore: per questo l’associazione continuerà a sostenere le imprese nel percorso di internazionalizzazione, attraverso le iniziative congiunte con Ice e il potenziamento di Mido, per renderlo sempre più attrattivo per i buyer». In programma a Rho Fiera Milano dal 24 al 26 febbraio 2018, Mido viene definito nel comunicato di Anfao, che ne è proprietaria, «un appuntamento imperdibile per il settore, cui convergono i maggiori gruppi industriali multinazionali, tutto il mondo delle lenti, del design, delle start up, dei macchinari e della componentistica».
(red.)