Rovereto, Ray-Ban rubati e poi rivenduti in internet

Nella località in provincia di Trento i carabinieri hanno stroncato un traffico di montature sottratte a Luxottica e piazzate nel web a prezzi stracciati 

Coinvolta nel crimine una coppia residente in Vallagarina. Si tratta, come riporta l’agenzia Ansa, di un uomo di 45 anni, bloccato il 4 dicembre nei pressi del casello autostradale di Rovereto mentre stava cedendo la merce, e di una donna di 54 anni, risultata dipendente dell’azienda di occhiali. Secondo l’accusa, una volta usciti dall’azienda produttrice con mezzi non ufficiali, gli occhiali venivano venduti su noti siti internet di compravendita a prezzi più che dimezzati. Successive perquisizioni domiciliari hanno permesso ai carabinieri di recuperare svariate decine di occhiali Ray-Ban, oltre a numerosi ricambi come lenti, viti e accessori vari. I due sono stati quindi segnalati alla magistratura, l’uomo per ricettazione, la donna per furto aggravato.
Luxottica conferma la veridicità delle informazioni, compreso il fatto che la donna risulti tra i suoi addetti.
(red.)