Primavera estate 2018: New York osa, Londra tace

Il circuito delle sfilate femminili per la prossima stagione estiva è partito con il botto una ventina di giorni fa negli Usa, con occhiali altrettanto importanti, e a metà settembre è proseguito sottotono nella capitale inglese

Sembra sia previsto molto sole per l’estate 2018 a giudicare dai numerosi occhiali visti sulle passerelle di New York, che hanno aperto le fashion week. Ricami e colori sono stati il punto forte di queste sfilate. Con una preferenza delle tonalità solari e del rosa che riconferma il suo ritorno. Si è visto in abbondanza da Victoria Beckham e da Chiara Boni, in tonalità pastello nella romantica collezione di Jonathan Simkhai, virante al fucsia da Oscar de la Renta che guarda alla pop art e da Michael Kors per i vestiti che si aprono come i petali di un fiore. Il giallo ha fatto la parte del leone, invece, da Custo Barcelona, dove la ricerca dei tessuti è continua. Molte le asimmetrie, i motivi di plissettature e naturalmente le applicazioni e i ricami. Gli occhiali spesso riprendono le tinte di abiti e pantaloni. È il viaggio, e la jungla in particolare, il tema conduttore della collezione di Desigual, disegnata per la prima volta da Jean Paul Goude. Stampe animalier si mischiano a righe, disegni pop e surreali. In prevalenza neri gli occhiali. Si ispirano allo street look della New York di Lou Reed e Keith Haring i capi di Coach 1941, per lui e per lei. Gli occhiali per lei sono grandi e squadrati, più classici e con lenti più scure per lui. Uomo e donna insieme anche da Matthew Adams che predilige i volumi ampi e i tessuti della tradizione maschile. Tra le sfilate più spettacolari quella di Ralph Lauren fra le sue auto da collezione. Pare ne possegga un’ottantina. E quella di Philipp Plein nel teatro Hammerstein con spettacolo di burlesque. In tono con gli insiemi sadomaso sia per uomo sia per donna. Con elementi decorativi gli occhiali per lei, più lineari quelli per lui.
La fashion week londinese fra New York e Milano sarebbe forse passata nel silenzio quasi totale. Non fosse stato per le sfilate di Burberry ed Emporio Armani. La prima con una grandiosa passerella per uomo e donna in un’elegante dimora storica (nella foto) e con il sistema avviato da qualche stagione di “see now buy now”, cioè vedi e compra subito. Moltissimi gli accessori, gioielli compresi, ma niente occhiali. Giorgio Armani ha scelto di sfilare con l’Emporio a Londra nel Tobacco Dock, a est della città, per dare risalto alla riapertura del negozio Emporio in Bond Street, ristrutturato e attualizzato. Leggerezza, il punto forte della collezione, con abiti dalle linee essenziali in una prevalenza di colori tenui. Leggerezza anche negli occhiali. Metallici e in acetato, grandi, alcuni con lenti colorate. (Luisa Espanet)