Mic: pool di aziende del Cadore per l’occhiale delle montagne

Debutterà in occasione di Mido un nuovo brand, ispirato alle Dolomiti, disegnato, prodotto e distribuito da imprenditori locali 

La storia di Mic, acronimo che sta per Made in Cadore, è facile da raccontare perché fatta di valori semplici, quelli della terra e della natura. Nasce così l’occhiale secondo Tiziano Tabacchi, designer e titolare di Frameworks, che insieme alla sorella Susi, direttore generale di Immagine98, ha coinvolto un pool di aziende locali per il lancio del nuovo marchio. «Tiziano è nato, cresciuto e si è formato in Cadore, lavorando per importanti marchi dell’eyewear: ora ha deciso di rivolgere la propria creatività alla terra che lo ha accompagnato durante la sua crescita personale e lavorativa, con un brand in grado di coniugare tradizione e bellezza della natura delle località cadorine, ispirato alle Dolomiti – spiega a b2eyes TODAY Susi Tabacchi - Mic è diventato un progetto di aziende e di professionisti legati a questi luoghi ed è nato un nuovo brand, una nuova collezione proprio nel territorio culla dell’occhialeria».
Nel progetto Frameworks cura il design e concept creativo, Immagine98 si occupa della distribuzione, mentre Mise della grafica e del marketing. «Mise ha, in realtà, sede a Mogliano Veneto, ma il titolare, David Salmasi, che si è unito alla nostra idea, è da sempre legato al Cadore e condivide con noi la passione per la montagna e per il territorio», aggiunge Susi Tabacchi. La produzione delle varie parti dell’occhiale è, invece, affidata a diverse aziende artigianali del settore, tutte del Cadore. Non si tratta, quindi, solo di un marchio, ma di un progetto ambizioso «che si propone si ripercorrere sentieri un po’ dimenticati, per riscoprire la purezza dell’origine dell’antica tradizione dell’occhialeria bellunese e della natura locale», aggiunge l’imprenditrice veneta.
La collezione di lancio prevede otto modelli da vista (nella foto, una montatura) e quattro da sole. «Il tratto distintivo è il dettaglio di metallo sull’asta, in corrispondenza della cerniera flex, che rappresenta l’elemento iconico del marchio, subito riconoscibile perché nella sua essenzialità richiama il profilo della montagna – dice ancora Tabacchi - Per la precisione ci siamo ispirati alle Tre Cime di Lavaredo». Le montature, rivolte a un target maturo, conscio della qualità dell’oggetto che indossa, rivelano i toni caldi della natura, ad esempio avana con pigmentazioni verdi e gialle; gli acetati ricordano ancora elementi della montagna, ad esempio l’effetto marmorizzato, e le linee pulite sembrano scolpite. Anche i nomi dei modelli richiamano gli elementi essenziali: aria, cielo, fuoco, ghiaccio, luce e terra.
Il lancio di Mic avverrà ufficialmente a Mido 2018. «Entro l’anno vorremmo arrivare a distribuire con agenti diretti presso ottici selezionati in Italia, Francia, Germania e Olanda, mentre oltreoceano stiamo puntando al Canada, con un distributore locale – conclude Tabacchi – Stiamo valutando reti vendita alternative a quelle di Immagine98 e il salone milanese sarà l’occasione per prendere o consolidare contatti».
F.T.