Luxottica: Milleri è il nuovo amministratore delegato

Il manager, che ha assunto il ruolo di vicepresidente nel maggio dello scorso anno, sarà alla guida del gruppo. Deleghe al presidente esecutivo Leonardo Del Vecchio, mentre Massimo Vian lascia l’incarico

Luxottica semplifica il proprio sistema di governance in vista della fusione con Essilor, ancora al vaglio dell’Antitrust europea: esce, a tre mesi dalla scadenza naturale del mandato, Vian, da più di tre anni alla guida di prodotto e operations, vengono concentrate le deleghe nelle mani di Leonardo Del Vecchio, presidente esecutivo, e di Francesco Milleri (nella foto), che da vicepresidente assume anche la carica di ad, mentre Stefano Grassi, chief financial officer del gruppo, viene cooptato nel consiglio di amministrazione.
«Ringraziamo Massimo per il contributo dato in tredici anni, con passione ed energia, nel definire una moderna e innovativa organizzazione Operations - commenta in una nota Del Vecchio, in merito all’uscita di Vian - Anche grazie a lui oggi Luxottica ha una squadra di manager forte che condivide l’attenzione alla qualità e all’innovazione». Il processo di riorganizzazione e semplificazione di Luxottica, il terzo dal 2014 a oggi, voluto dal suo patron, continua. «Siamo passati attraverso alcune fasi intermedie per dare tempo alla struttura di assimilare e perfezionare le numerose innovazioni di business e produttive – prosegue il fondatore del gruppo - Stiamo chiudendo un anno straordinario, ma la mia soddisfazione viene ancor più dai tanti segnali positivi che ogni giorno arrivano dalle nostre iniziative strategiche: la nuova organizzazione digitale e dell’e-commerce, i processi di innovazione tecnologica, l’avvio dei grandi laboratori per la produzione delle lenti e le politiche commerciali finalmente rispettose del valore dei nostri marchi. La decisione di oggi rende Luxottica ancora più veloce e proattiva, con un vertice focalizzato sulle strategie e un’articolata organizzazione geografica sempre più vicina ai bisogni di tutti i nostri clienti. Ci stiamo preparando a nuove grandi sfide e ad affrontare con l’assetto ottimale un nuovo capitolo della nostra storia con i partner francesi di Essilor». 
Vian lascia Luxottica dopo tredici anni. «È stato un vero privilegio crescere internamente al gruppo, affiancando uomini e donne unici, e anno dopo anno cogliere risultati straordinari - commenta nel comunicato il manager - Lascio l’incarico vicino al termine naturale del mio mandato, consapevole del mio contributo, e auguro che il nuovo capitolo della grande storia di Luxottica sia ancora ricchissimo di successi».
(red.)