Istituto Fermi: al via un ciclo di seminari

Con “Contattologia in età pediatrica: utilizzo terapeutico e riabilitativo delle lac”, il 3 dicembre scorso si è tenuto, nell’aula magna del centro studi di Perugia, il primo di una serie di incontri teorico-pratici che il dipartimento di Scienze della Visione intende offrire gratuitamente a studenti e professionisti della visione

«Per decenni in Italia e in altri paesi era diffusa l’opinione tra gli operatori del settore che le lenti a contatto non dovessero essere adattate in età pediatrica: oggi il concetto che banalizzava l’uso delle lac unicamente come sostituto estetico degli occhiali è stato, invece, rimosso – commenta in una nota Stefano Lorè (nella foto), direttore dell’Istituto di Scienze della Visione presso l’Enrico Fermi di Perugia - Applicare le lenti a contatto in età pediatrica, sotto il controllo medico, è riconosciuto come terapia che aiuterà il bambino, soprattutto nei primi anni di vita, a sviluppare le abilità visive, sensoriali e motorie. Le migliorate conoscenze della fisiologia corneale e del film precorneale, i materiali sempre più biocompatibili e le geometrie personalizzabili hanno, infatti, contribuito alla migliore propensione verso questa pratica».
Durante il seminario, seguito con successo da oltre cento partecipanti, sono state fornite indicazioni riguardo le più frequenti condizioni oculari dell’età pediatrica in cui l’applicazione di lac può essere una soluzione sostitutiva e non solamente alternativa agli occhiali. «L’incontro è stato proposto con un approccio interdisciplinare, sono stati affrontati gli aspetti tecnici per la corretta scelta della lente a contatto e le tematiche di gestione del bambino durante le fasi dell’applicazione, nonché della compliance con i genitori - spiega ancora Lorè - Risolvere il problema visivo di un neonato o di un bambino è, infatti, importante anche dal punto di vista psicologico, per contribuire alla serenità del suo intero nucleo familiare».
(red.)