Il glaucoma aumenta il rischio di cadute e incidenti stradali?

Lo sostengono due studi, entrambi australiani: la causa è la riduzione del campo visivo provocata da questa patologia

Una prima importante conseguenza per il paziente con glaucoma sarebbe il rischio di cadere anche dentro casa. Uno studio, precedentemente realizzato dal Dipartimento di Oftalmologia della Dalhousie University, in Canada, ha dimostrato che, rispetto a un gruppo di controllo in condizioni mediche generali simili, i soggetti affetti da glaucoma avevano avuto una probabilità tre volte maggiore di cadere negli ultimi dodici mesi. 
Lo stesso risultato è stato recentemente ribadito dalla Queensland University of Technology di Brisbane che ha raccolto i dati relativi alle cadute di 71 adulti con glaucoma primario ad angolo aperto. Durante il follow up a un anno, il 44% dei partecipanti aveva avuto almeno una caduta e il 31% di queste aveva provocato un infortunio, dovuto proprio alla riduzione del campo visivo.
L’altra indagine ha rilevato che il glaucoma può avere un impatto anche sulla capacità di guidare. La School of Optometry and Vision Science, sempre presso la Queensland University of Technology, ha dimostrato che i pazienti affetti dalla patologia oculare hanno una guida meno sicura e commettono il doppio degli errori rispetto a chi non ne soffre: le disattenzioni al volante riguardavano il posizionamento nella corsia giusta, la capacità di avvicinamento alle altre automobili e il sorpasso. I ricercatori hanno, inoltre, constatato che questi errori si verificano principalmente ai semafori e agli incroci.
(red.)