Essilor, premiata la sua sostenibilità

Il gruppo ottico oftalmica è stato riconfermato nella composizione del Dow Jones Sustainability Index Mondo ed Europa ed è stato nuovamente incluso nell’FTSE4Good

Per il Dow Jones Sustainability Index, che valuta le performance finanziarie delle compagnie mondiali che seguono principi sostenibili, Essilor si è classificata seconda nel settore Health Care Equipment and Supplies. Inoltre, per il quattordicesimo anno consecutivo la società è stata inclusa nell’FTSE4Good, un indice di investimento globale progettato per identificare le aziende che, attraverso la loro governance, le pratiche sociali e ambientali, dimostrano un forte impegno nel settore della Corporate Social Responsibility. «Siamo orgogliosi che il Dow Jones Sustainability Index e l’FTSE4Good riconoscano il valore che il nostro impegno a lungo termine per lo sviluppo sostenibile può apportare al benessere visivo nel mondo oggi e alla prosperità globale domani», dichiara in una nota Hubert Sagnières, presidente e ceo di Essilor.
Oltre a queste due importanti referenze, nel 2017 il gruppo ha ricevuto altrettanti riconoscimenti per la sua responsabilità sociale d’impresa. Nel mese di luglio, a Singapore, ha vinto un premio come impresa sostenibile per il suo impegno verso gli “Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile” delle Nazioni Unite. «Attraverso la missione e l’approccio alla sostenibilità lungo la sua catena del valore, Essilor contribuisce a 13 dei 17 obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Onu», precisa il comunicato. In giugno, Essilor aveva vinto il premio per la Responsabilità Sociale d’impresa nell’ambito dei World Procurement Awards per il suo programma di sostenibilità dei fornitori, che coinvolge i supplier del gruppo in iniziative a sfondo sociale, etico, ambientale e comunitario (nella foto, una fase della lavorazione delle lenti in Essilor).
(red.)