“Artigiani del cuore”, anche l’eyewear tra i finalisti

Tra gli aspiranti vincitori della prima edizione del concorso organizzato dalla Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte insieme alle piattaforme digitali Wellmade e Brevimano ci sono pure due occhialai fiorentini che realizzano montature in legno

I dodici maestri artigiani finalisti, rappresentativi dei mestieri d’arte d’eccellenza italiani, sono stati selezionati tra tutti i candidati da un comitato di valutazione formato da esperti interni alla Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte nelle categorie “Arredare e Decorare” e “Vestirsi e Ornarsi”. In quest’ultima sono in lizza anche Lisa Gabellini e Jochen Andreas Zeh (nella foto, dal sito di Wellmade, un loro modello), di Borgo San Lorenzo, in provincia di Firenze, che disegnano e producono occhiali in legno naturale. «Ogni montatura nasce nel nostro atelier perché crediamo in un prodotto artigianale, completamente costruito in Italia: creiamo modelli unici e personalizzati, su misura per uomo, donna e bambino – si legge nella loro scheda di presentazione - Abbiamo iniziato a studiare inizialmente l’occhiale in sé, poi abbiamo disegnato una montatura che avesse come principio quello di essere realizzata nel modo più naturale possibile».
Oltre ad avere una storia interessante da raccontare, per accedere alla fase finale gli artigiani hanno dovuto dimostrare di essere in possesso di undici requisiti di eccellenza: artigianalità, autenticità, competenza, creatività, formazione, innovazione, interpretazione, originalità, talento, territorialità e tradizione. Ora sarà il pubblico a decretare i due migliori professionisti, attraverso un sistema di votazione online aperto sino a lunedì 9 aprile: chi nelle due categorie otterrà più voti sarà proclamato vincitore martedì 10. Ai due maestri verranno inoltre dedicati un servizio fotografico e un cortometraggio per raccontare la loro storia e valorizzare la loro testimonianza. A loro volta gli utenti che voteranno potranno ricevere una delle trentacinque speciali tessere Fai in palio estratte a sorte.
(red.)